Tecniche di lavorazione del Metallo

I Ceselli e Gli Sbalzi - Gli Smalti a Fuoco

Calici e Patene

I CESELLI E GLI SBALZI

 

L'arte dello sbalzo e quella del cesello sono antichissime tecniche di lavorazione delle lamine metalliche, rame, ottone e argento.

Il cesello è un piccolo scalpello con cui si possono lavorare tutti i metalli e le pietre dure usato per decorare, ma anche rifinire in ogni particolare le lastre di metallo e gli oggetti realizzati a fusioni, dando il nume ad una delle più importanti tecniche orafe.

 

I ferri da cesello, utilizzati anche nelle operazioni di sbalzo sulle lamine a freddo (o meglio a "vuoto") possono essere utilizzati anche a caldo (o meglio a "pieno") con l'ausilio della pece per cesellare ed ottenere lavorazioni uniche e raffinatissime nell'arte della minuta rappresentazione artistica

 

GLI SMALTI A FUOCO

 

L'arte degli smalti è presente fin dai IV millenio a.C. presso gli Egiziani e si diffuse attraverso i bizantini nell'Italia medioevale. E' in questo periodo che si definiscono le due più importanti tecniche di smaltatura: la "champlevé" che consiste nel deporre lo smalto nelle superfici scavate del metallo, e la "cloisonné" caratterizzata dall'uso di un sottilissimo filo in rame e argento come margine per l'alloggiamento dello smalto.

 

La tecnica più efficace rimane la "basse-taille" che si afferma nel XII secolo e unisce l'arte del cesello e dello sbalzo con quella dello smalto che viene usato per riempire le cavità concave ottenute sbalzando. In queto modo si ottiene la vivacità di colori e le preziose finiture osservabili in articoli come i calici e le patente pisside.

 

Share by: